Stagione 13

I riassunti sono a cura di Lolle e di proprietà di greysanatomy-italia.com

13×1

Parenti, amici, colleghi sono riuniti a festeggiare il matrimonio di Owen e Amelia. Maggie ha confidato alla sorella di essere attratta da Nathan Riggs. Meredith allora prende le distanze da lui. Andrew arriva in ospedale in ambulanza, in gravi condizioni dopo un’aggressione. Alex confessa solo a Meredith di essere lui il colpevole. Andrew è privo di coscienza e nessuno sa cosa gli sia successo. April è ancora a letto dopo il parto, Catherine è arrivata per conoscere la nipotina, la piccola Harriet Kepner Avery. Maggie è sconvolta per le condizioni di Andrew, si sono lasciati da poco e prova ancora affetto per lui. Anche Jo non sta bene, Stephanie la raggiunge per starle vicina. Alex non vuole ancora confessare perchè spera di chiarirsi con Andrew. Ma, quando lui si risveglia, non lo vuole neanche vedere. Meredith capisce di non poter più coprire Alex, va dalla Bailey e confessa quello che ha saputo. Nello stesso momento Alex si dichiara alla polizia, viene arrestato e portato via. Maggie è arrabbiata con Meredith per averle mentito e coperto Alex. Nathan va a casa di Meredith per capire il motivo del suo atteggiamento distaccato. Lei, per non ferire ancora la sorella, chiude con lui, dicendo di non ricambiare i suoi sentimenti. Meredith si allontana e va a trovare Alex in prigione.

13×2

Alex è uscito di prigione pagando la cauzione. La Bailey è preoccupata per tutta quella situazione, che inevitabilmente coinvolge l’ospedale. Owen e Amelia sono felici, organizzano una cena per inaugurare la nuova casa. April è messa a dura prova, deve restare in ospedale mentre la figlia è stata dimessa e torna a casa con Jackson. Alex va in tribunale, inizia la prima fase del processo. Amelia invita anche Nathan a cena, nella speranza che parli con Owen e che possano riallacciare i rapporti. April non vuole farsi aiutare, ma Jackson insiste, vorrebbe che si trasferisse a casa sua per aiutarla con la convalescenza e la piccola Harriet. La Bailey è costretta ad allontanare Alex dall’ospedale per un po’, lo trasferisce all’ambulatorio Denny Duquette. Maggie  continua a pensare a Nathan e gli chiede di uscire, ma lui rifiuta gentilmente l’invito. Alex sta da Meredith e lei gli rivela di essere stata con Nathan. Nello stesso momento Maggie torna a casa, per bere e non pensare al rifiuto ricevuto proprio da lui.

13×3

Maggie è impacciata con Nathan, ma è costretta a vederlo ogni giorno in ospedale. Meredith continua a tenere segreto il suo interesse per lui. Arizona torna a lavoro dopo essere stata a New York a trovare Callie e Sofia. Rimane sconvolta alla vista di Andrew, suo coinquilino, al quale col tempo si è affezionata. Andrew si offre di cambiare casa per non crearle imbarazzo, sapendo quanto lei sia legata ad Alex. Arizona non ci pensa neanche e lo abbraccia per fargli sentire la sua vicinanza. Amelia sta vivendo con molta gioia i primi giorni di matrimonio e non riesce a nascondere la sua felicità. April è stata mandata a casa, non può ancora lavorare, ma può finalmente tenere in braccio sua figlia. La Bailey e Ben iniziano ad avere le prime discussioni riguardo l’educazione di Tucker, che inizia a diventare grande. April è costretta a stare a riposo e inizia ad annoiarsi, le manca il suo lavoro. Anche ad Alex manca essere chirurgo, è costretto a stare in ambulatorio a fare controlli di routine. Arizona è arrabbiata con lui per quello che ha fatto, ma sa quanto è dispiaciuto e quanto è bravo nel suo lavoro, confida nel un suo ritorno in reparto.

13×4

Alex continua a lavorare nella clinica, dove gli è permesso fare semplici visite, ma non intervenire sui pazienti. Nathan propone a Meredith di uscire, vuole che si frequentino fuori dall’ospedale. Meredith non ne vuole sapere, consapevole che Maggie pensa ancora a lui. April vive da Jackson per prendersi cura della piccola Harriet, affrontano insieme le prime difficoltà da neo-genitori. Amelia e Owen passano molto più tempo insieme, ma Amelia si rende conto di non conoscere molte cose riguardo a Owen e al suo passato. Intanto gli avvocati continuano a lavorare al processo di Alex. Andrew ha il divieto di rivelare dettagli, si confida solo con Jo. Alex alterna impegni di lavoro e incontri con l’avvocato. April si è ripresa completamente ed è in grado di tornare a vivere da sola, con Harriet. Jackson però non vuole che se ne vada e la invita a restare. Amelia è preoccupata per le cose che non sa di Owen e per ciò che lui non sa di lei. Lui la tranquillizza, possono dirsi tutto. Entrambi riescono a trovare il coraggio di confidare i propri segreti più dolorosi. L’importante è che ora sono insieme, stanno bene e lo stesso varrà anche per i figli che avranno.

13×5

La Bailey è al settimo cielo perchè finalmente ha ottenuto il fegato per un trapianto per una paziente che aspettava da tanto; chiede a DeLuca di assisterla. Alex continua a vivere da Meredith e lavorare in ambulatorio. April invece ha passato il periodo di maternità e può tornare in ospedale. Maggie chiede a Stephanie di assisterla in un intervento, perchè considerata la migliore specializzanda. Jo intanto si sente messa da parte. Amelia ha un ritardo e potrebbe essere incinta, sa che Owen sarebbe felicissimo e non vuole dirglielo per paura di illuderlo. Ha paura anche per l’esperienza difficile avuta in passato con la prima gravidanza. Arrivata a sera Amelia si fa coraggio, aspetta Owen a casa per fare il test di gravidanza e fargli sapere subito il risultato. Owen già sogna e fa progetti pensando a un figlio. Ma il test non va come pensava, risulta negativo. Owen abbraccia Amelia e la rassicura dicendole che potranno riprovarci.

13×6

Alex è in attesa della data del processo, Meredith è molto preoccupata per lui. Alex e Jo continuano a non parlarsi, al contrario lei passa molto tempo con Andrew. Maggie vuole presentare una nuova specializzanda ai colleghi, che però la conoscono già. Si tratta infatti di Leah Murphy, riassunta al GSMH. Arizona è la più sconvolta dalla notizia, poiché aveva avuto una storia con lei. Amelia cerca di evitare Owen e in particolare il discorso riguardo ai figli. Lui insiste per affrontare l’argomento e lei confessa di voler aspettare ad averne. Catherine arriva a Seattle per parlare con la Bailey riguardo ad Alex, vuole che venga licenziato e sostituito da un nuovo medico. A peggiorare la situazione, Alex e la Bailey hanno opinioni contrastanti riguardo a una paziente. Alex non è ufficialmente un chirurgo, ma non riesce a farsi da parte. Amelia è sconvolta per la perdita di un paziente e vecchi dolori tornano a galla. Si trova a raccontare ad Alex del suo passato, del figlio partorito anencefalico, sopravvissuto meno di un’ora, della scelta di donare gli organi. E’ stato un dolore troppo grande e non è pronta a una nuova gravidanza, ma non riesce ad essere totalmente sincera con Owen. Andrew vede un riavvicinamento tra Jo e Alex. Prende Jo da parte per dirle che non dovrebbe stare con uno così violento, merita di meglio. A fine giornata la Bailey risponde fermamente a Catherine che non licenzierà Alex, l’ha formato e continuerà a farlo, dandogli una seconda opportunità. Catherine accetta, ma è venuta a conoscenza di molti medici che hanno avuto seconde chance, come Leah, Ben, April, Meredith. Sono troppi e ciò significa che il programma di specializzazione va cambiato, deve tornare ad essere il migliore di tutti.

13×7

Un medico esterno è stato invitato al GSMH con l’incarico di osservare i medici e individuare i problemi del programma di specializzazione. La decisione è stata presa da Catherine e la Bailey, tenendo all’oscuro Richard, il responsabile degli specializzandi. Si tratta di Eliza Minnick, chirurgo ed esperta in didattica. Appena arrivata organizza un incontro privato con gli specializzandi e chiede informazioni sugli strutturati, opinioni, preferenze. Tra Owen e Amelia c’è tensione e sul lavoro non riescono a collaborare. April vuole provare a ricominciare e cerca incontri su Tinder, tuttavia vive ancora con Jackson e con lui si confida molto. Minnick entra in sala durante gli interventi e interrompe i chirurghi per far operare gli specializzandi al loro posto. La sua idea è che i ragazzi operino per imparare il più possibile, invece di stare solo ad osservare. Gli specializzandi sono molto contenti di questa possibilità, gli strutturati invece sono infastiditi e si augurano che la presenza della donna sia solo momentanea. Richard è molto arrabbiato nel veder stravolgere il programma per cui lui ha lavorato a lungo. Amelia arriva al limite con Owen e, durante una lite, urla di non volere un bambino. Poco dopo si ritrova a casa di Meredith a chiedere un posto per dormire. Minnick a fine giornata conferma alla Baliley di essere interessata a rimanere e occuparsi della specializzazione, ma lo farà da sola: Richard dovrà farsi da parte.

13×8

Meredith e Owen sono in sala operatoria, stanchi per le poche ore di sonno. Richard si arrabbia perché non si preoccupano di insegnare a Stephanie, la specializzanda di turno. Prende in mano la situazione e cerca di far sì che lei impari veramente. L’intervento è lungo e i chirurghi hanno molto tempo per pensare. Non si conosce l’identità del paziente, un uomo salvato da un incidente d’auto. Owen pensa a quante volte in missione gli sia capitato di operare sconosciuti. Gli tornano alla mente ricordi di sua sorella, persa da molto tempo. Con un grande sforzo cerca di rimanere concentrato sul paziente. I medici arrivano a un punto cieco, ma la situazione si sblocca grazie a un’intuizione di Stephanie. Viene poi scoperta l’identità del paziente, la moglie e i suoi due figli sono nell’atrio che aspettano. Meredith è preoccupata per quella famiglia, si rivede in quella madre con due bimbi che aspetta notizie del marito in fin di vita. Anche lei con Zola e Bailey si era trovata in una situazione simile. Rimane concentrata, non permette al dolore di quei ricordi di prendere il sopravvento. Diventa ancora più motivata a fare il massimo perchè quei bambini possano riabbracciare il padre. Non ha potuto salvare Derek, ma può salvare quell’uomo. Con il contributo di tutti riescono a stabilizzare il paziente.

13×9

E’ l’ultimo giorno prima del processo, che deciderà se Alex andrà in prigione oppure no. I medici mettono da parte la preoccupazione e si concentrano sui pazienti. Anche Minnick cerca di rendersi utile lavorando con Arizona e tra le due nasce interesse. Jo è stata chiamata al processo per testimoniare ed è terrorizzata all’idea che si scopra il suo segreto. Cerca Alex perchè vuole essere lei stessa a fargli sapere la verità. Si fa forza e gli confessa tutto: il suo nome non è Jo Wilson, è sposata con un uomo pericoloso, che ha cercato di ammazzarla, ha cambiato nome per fuggire da lui. Ecco perchè non si potevano sposare. Non gliel’aveva detto prima per paura che lui andasse a cercare il marito e si mettesse nei guai. Richard parla con la Bailey e scopre la verità riguardo a Minnick: prenderà il suo posto. Maggie e altri medici non possono accettarlo, si riuniscono per salvare il vecchio programma di specializzazione. Alex va dalla Bailey per comunicarle che non lavorerà più lì, ha deciso di accettare il patteggiamento, cioè andare in prigione per 2 anni ed evitare il processo. Si assumerà tutta la colpa e Jo sarà fuori pericolo. Jo è ignara di tutto e si sente pronta ad affrontare il processo con serenità, ora che si è confidata con Alex. Meredith manda ad Alex un ultimo messaggio, un disperato tentativo di fargli cambiare idea. Una brutta sorpresa attende Owen al rientro a casa. Un biglietto, con poche parole. Amelia è andata via.

13×10

E’ notte. Arizona, Jo e la Bailey vengono chiamate per occuparsi di una paziente che si trova in carcere e non può essere portata in ospedale, saranno loro ad andare da lei. Si tratta di una ragazza incinta e molto irrequieta, il caso si preannuncia difficile. Le dottoresse vengono messe a dura prova, tra complicazioni della gravidanza e ostilità della paziente. Superando ogni ostacolo, il parto riesce con successo. Si fa giorno e le dottoresse tornano a Seattle. In macchina la Bailey rivela ciò che mai avrebbe voluto: Alex ha deciso di patteggiare e andrà in prigione.

13×11

Nessuno ha notizie di Alex. Meredith non va a lavoro e, per tutto il giorno, gira per carceri e tribunali per avere informazioni, capire dove si trova. Richard, Maggie, Jackson ed April sono uniti per ostacolare la Minnick. La Bailey invece le lascia molta libertà di agire e come primo giorno a capo dello staff, le permette di girare per le sale operatorie. Anche di Amelia non c’è traccia, non si è presentata a lavoro. Owen va da Meredith, aspettandosi di trovare Amelia, ma non è lì e non sa dove cercarla. Amelia in realtà è a casa di Stephanie, è lei che la copre, la ospita e la aggiorna sui pazienti. Quando Owen lo capisce, le lascia un messaggio, una richiesta di tornare a casa. La Bailey nota una certa tensione tra la Minnick e gli strutturati e li convoca per una riunione. Di comune accordo, solo Richard si presenta. Bailey e Richard si scontrano, Richard la invita a fare un passo indietro, ma lei reta sicura sulle sue scelte. A fine giornata Meredith rientra distrutta e, con sua grande sorpresa, trova Alex proprio a casa sua.

13×12

E’ stato Andrew a dare una svolta decisiva alla vicenda. Saputo da Ben che Alex aveva accettato la prigione, è corso a ritirare le accuse e il processo è stato annullato. Alex può tornare al suo lavoro, promettendo alla Bailey di essere una persona migliore. Intanto la Minnick continua a intromettersi negli interventi. Meredith si oppone e, convocata dalla Bailey, mostra la sua solidarietà per Richard. Per questo motivo viene sospesa. La notizia fa il giro dell’ospedale suscitando molto scalpore. Maggie riceve una visita a sorpresa della madre, Diane, che ha un appuntamento con Jackson per qualche ritocco plastico. Sapendo che non avrebbe avuto l’approvazione della figlia, l’ha tenuta all’oscuro. Intanto fa conoscenza di tutti i colleghi e amici di Maggie, mettendola molto a disagio. Di sua iniziativa, incontra anche Richard, padre biologico della ragazza. Jackson si trova solo con Diane per la visita e scopre il suo vero motivo: non è lì per motivi estetici, ma per un tumore al seno. Andrew incontra Alex e gli rivela di aver fatto tutto per Jo, che ha già sofferto abbastanza, senza dover riportare a galla il suo passato. Diane stravolge i piani della serata di Maggie, nel tentativo di creare le condizioni giuste per trovarsi sola con lei e Jackson e rivelarle la malattia che la affligge. La situazione però precipita, arrivano a litigare e Diane non riesce a darle la notizia. Le comunica che l’indomani ripartirà. Un messaggio avvisa tutto lo staff che Meredith è stata sostituita, April sarà il nuovo capo di chirurgia generale. Owen prova a insistere con Amelia, la quale non gli apre neanche la porta. Jo viene a sapere che Alex non è in prigione, corre subito a casa di Meredith dove sa di trovarlo. Vuole vedere coi propri occhi che è libero e lo può riabbracciare.

13×13

April inizia a lavorare come capo del reparto di chirurgia generale. Tutti i colleghi si domandano come April possa aver accettato e voltato le spalle al gruppo. Intanto la Minnick prosegue con il suo programma, ora agli specializzandi tocca operare autonomamente, mentre uno strutturato resta a guardare. Richard ha parlato con Catherine e ha scoperto che è stata sua l’idea di far partire il nuovo programma con la Minnick. Alcuni interventi vanno a buon fine, altri no. Stephanie opera su un bambino, contro la volontà di Arizona. Non riesce nel suo incarico e il bambino perde la vita sul tavolo operatorio. E’ un duro colpo per Stephanie ma anche per la Minnick che, in lacrime, confida ad Arizona di non aver mai visto morire un bambino nella sua carriera. Stephanie cerca conforto parlando con Richard, per capire le complicazioni che hanno portato a tale esito. Sarà lui ad accompagnarla dai genitori a dare la notizia. Andando a casa, Arizona incontra la Minnick, ancora afflitta per quanto successo. Arizona cerca di darle conforto e farle capire che, cambiando atteggiamento, potrà trovare amici e appoggio lì in ospedale.

13×14

Amelia è tornata a vivere da Meredith, entrambe non lavorano e passano le giornate a casa. Al contrario, per Alex è giunto il momento di tornare in ospedale. La Minnick continua il suo programma e prepara gli specializzandi per eseguire un trapianto. A Stephanie tocca nuovamente un ragazzino di soli 16 anni, da operare con Jo e supervisione di Alex. L’intesa tra Arizona e Minnick cresce sempre più. Arizona cerca di trattenersi e non dare nell’occhio in ospedale, poiché sul lavoro sono rivali. La Bailey si prende la giornata libera senza dare spiegazioni. Si reca a sorpresa a casa di Meredith, per risolvere a voce i problemi tra loro. La Bailey cerca di farle capire che il programma proposto da Minnick è un cambiamento necessario. Meredith non si smuove, vuole tornare, ma lo farà quando anche Richard riavrà il posto di capo della specializzazione. In ospedale tutto precede e i trapianti vengono realizzati con successo. Finito il turno, anche Richard va a trovare Meredith per farle capire che i giorni passati in casa sono giorni persi. A fine giornata Arizona è stanca di fingere e affronta Minnick per dirle che non può andare avanti così, devono smetterla. Ottiene però il risultato opposto, Minnick la bacia.

13×15

Meredith ha ascoltato le parole di Richard e torna a lavoro. Alex ed Andrew mettono da parte il passato e sono pronti a seguire un caso insieme. Tra i medici c’è forte tensione riguardo alla presenza della Minnick, si creano due schieramenti distinti. April ormai difende la Minnick, è passata dalla parte di Catherine, con la quale passa molto tempo. Dalla parte opposta si schierano i medici che sostengono Richard, il più determinato è Jackson, che prova a parlare con la madre e far valere il proprio posto nel consiglio. Arizona dichiara di sostenerlo, ma in segreto inizia a frequentarsi con Minnick. Amelia è estranea alle vicende, poiché non va a lavorare da molti giorni. Accetta di andare in ospedale solamente per un intervento che richiede il suo aiuto. Non vuole però rischiare di incontrare Owen, quindi Maggie la copre. Quando è pronta per andarsene, arriva un caso grave in pronto soccorso, Owen fa chiamare un neurochirurgo e Amelia decide di uscire allo scoperto. Lui è sorpreso di vederla lì e rimane ferito quando capisce che lo stava evitando. Owen non capisce perché lei non sia disposta neanche a parlare, Amelia cerca di fargli capire che non è pronta, hanno questioni in sospeso, idee diverse, non vuole litigare. Jackson ed April continuano a vivere insieme per il bene della figlia Harriet, ma tra loro c’è forte tensione, dovuta dal trovarsi in due schieramenti opposti in ospedale. Ad aggravare la situazione, April sta dalla parte di Catherine e Jackson teme che si faccia manipolare da lei. Nathan dichiara a Meredith quello che prova, pensa spesso a lei ed vuole fare sul serio, le lascia del tempo per pensarci. Le sorprese della giornata non sono finite: Richard trova Arizona e Minnick insieme.

13×16

April e Jackson devono eseguire un intervento in un altro ospedale e vanno via per un paio di giorni, lasciano Harriet con la nonna Catherine. L’intervento è complicato perchè riguarda un trapianto per un bambino. Il caso si complica e Jackson sembra distante, passa il suo tempo libero in un bar. April fa conoscenza del proprietario del bar, un ex-chirurgo di nome Robert Avery. Con immenso stupore, capisce che si tratta del padre di Jackson e quello è il vero motivo che li ha portati lì. L’indomani Jackson si apre con April e racconta di essersi seduto al bancone nella convinzione di essere riconosciuto dal padre. Ciò non è accaduto, Robert l’ha trattato con gentilezza come un normale cliente. Avrebbe voluto fargli sapere quanto ha sofferto per la sua assenza, ma non sono uscite parole dalla sua bocca. Su consiglio di April, Jackson si convince a tornare là e farsi riconoscere. Ormai il ristorante è chiuso, ma Jackson rivela la propria identità, Robert rimane senza parole e lo fa entrare. Sono soli, possono parlare faccia a faccia per la prima volta. Robert è impacciato, ma parla molto, spiega come essere un Avery non facesse per lui, non poteva sopportare il peso di quel nome e tutte le aspettative della famiglia. Ora però ha trovato il suo posto, è felice e chiede al figlio se lo è anche lui. Jackson però se ne va, non riesce a esprimersi, prova solo rabbia davanti al padre che ha trovato la felicità in una vita senza di lui. L’indomani è ancora arrabbiato e racconta ad April com’è andata. Tutt’a un tratto, come un lampo, arriva un’idea per salvare la piccola paziente. Jackson mette da parte i pensieri e si mette al lavoro insieme ad April. Ha inizio un intervento eccezionale, mai fatto prima. Un successo incredibile. La sera rientrano in hotel, stanchi ma soddisfatti. Si abbracciano , si baciano e si lasciano andare in una notte di passione. La mattina si svegliano abbracciati e April approfitta di quel momento di intimità per rassicurarlo, fargli sapere che lo considera un ottimo padre, che si prende cura di loro ogni giorno. In quelle parole Jackson trova la forza per tornare da suo padre un’ultima volta, per salutarlo e fargli sapere tutto quella che prima si era tenuto dentro. Ora è pronto per tornare a Seattle, dove riabbraccia Catherine, profondamente consapevole di tutto quello che sua madre ha fatto per lui.

13×17

Diane, madre di Maggie, torna in città. E’ affetta da un grave tumore al seno e ha in programma l’intervento per rimuoverlo. Non ha avuto il coraggio di rivelarlo alla figlia che, ignara di tutto, pensa che si tratti di un semplice intervento plastico. Jackson è il medico che segue il caso, insiste che lei dica a Maggie come stanno realmente le cose. Diane rimane dell’idea di dirglielo dopo l’intervento. Amelia torna a lavorare e si trova in pronto soccorso con Owen. Lui pretende delle risposte, vuole che lei decida se risolvere la situazione tra loro oppure no. Amelia resta in silenzio. Meredith tiene ancora Nathan sulle spine, senza dargli una risposta. La Bailey nota il gelo tra Arizona e Richard, Arizona allora le racconta cos’è successo. Cerca poi di chiarirsi con Richard, il quale le chiede un po’ di tempo. E’ la sera prima dell’intervento, Jackson convince Diane a confidarsi con la figlia. La verità crolla addosso a Maggie, che sfoglia la cartella clinica della madre senza parole. Prova stupore, dolore e rabbia contro Jackson, complice di quel segreto. Intanto Nathan riesce a convincere Meredith e a ottenere una cena con lei. Amelia e Owen non possono più rimandare la discussione, iniziano a litigare e ad affrontare i loro problemi. Owen vuole un bambino, Amelia sa che avere un figlio può essere bello ma anche molto doloroso, come è successo a lei. Quindi non vuole figli e non accetta che Owen dia degli ultimatum. Jackson inizia l’intervento, Maggie fuori dalla sala non riesce a darsi pace. Manda a chiamare Meredith e le racconta la verità sulla malattia di sua madre, sa di non poter tenere dentro tutto quel dolore.

13×18

Sono giorni duri per Maggie, che si trova ad affrontare senza preavviso la malattia della madre. La strada per la ripresa è ancora lunga, dopo la prima operazione alcune anomalie portano a un nuovo intervento. La situazione non migliora, vengono trovate nuove metastasi. Per i medici è difficile lavorare al caso senza farsi coinvolgere dal legame con Maggie. Lei non si abbatte, è molto informata e trova una procedura innovativa per sua madre. I colleghi non pensano sia una buona idea, ma Maggie non vuole sentire ragioni. Diane viene quindi sottoposta al nuovo trattamento, molto aggressivo, e si indebolisce sempre di più. Dopo l’ennesimo intervento, Diane capisce che il trattamento non la salverà, lo vuole interrompere e lo comunica a Maggie. Per la figlia è un duro colpo, ma cerca di superarlo e passare con la madre tutto il tempo che le resta. Diane è solare e dispensa consigli: vuole che Maggie abbia il meglio. Non resta molto tempo a separarle dall’ultimo addio. Negli ultimi istanti che rimangono, Maggie è proprio lì al suo fianco, seduta accanto al letto. Richard sfrutta un elicottero dell’ospedale per far arrivare lì a Seattle il padre di Maggie, ex marito di Diane. Meredith prende le distanze da Nathan per potersi dedicare in pieno alla sorella. Torna a casa insieme ad Amelia, pronte a dare a Maggie tutto il conforto di cui ha bisogno.

13×19

E’ il giorno del funerale. Diane aveva espresso il desiderio di essere sepolta lì a Seattle, probabilmente per permettere alla figlia di andarla a trovare e farsi sentire vicina. In poco tempo Maggie è pronta a tornare in ospedale. Nathan nota che Arizona ed Eliza arrivano a lavoro insieme la mattina. Più tardi Arizona gli rivela la loro relazione e di non essere pronta a farlo sapere in giro. Maggie inizia con un intervento su un neonato. Owen è amico dei genitori del piccolo ed è preoccupato che Maggie non sia davvero pronta per tornare in sala. Contro le aspettative dei colleghi, Maggie porta a termine l’intervento con successo. Jackson va da lei per complimentarsi, ma lei è arrabbiata, lo incolpa di non aver fatto il possibile per salvare sua madre. Dopo settimane di scontro, la Bailey decide di riappacificarsi con Richard e i due escono a cena. Intanto Meredith ha accettato di uscire con Nathan. Lui si prepara per andare all’appuntamento e chiacchierando con Arizona, lei capisce che si tratta di Meredith. Nello stesso momento Meredith è a casa e si prepara per uscire, quando torna Maggie, in lacrime, alle prese con il dolore per la perdita della madre. Meredith decide quindi di annullare tutti i programmi, la scelta migliore è restare a casa per una serata tra sorelle. A sorpresa arriva Jackson con la cartella di Diane e racconta a Maggie la verità. Quando Diane è arrivata da lui era troppo tardi, la malattia era incurabile. Lei aveva già fatto numerosi esami e ne era consapevole. Sapendo di non poter guarire, si era concessa alcuni viaggi. Infine è andata a Seattle già sicura della sua sorte. Ha scelto Jackson perchè sapeva che sarebbe stata vicino alla figlia. Maggie inizia ad accettare l’accaduto e si lascia andare in un ultimo pianto sulla spalla di Jackson.

13×20

Meredith ha chiuso con Nathan, ma casualmente si trovano vicini sullo stesso volo per andare a un congresso. Nathan la vede come un’occasione per stare insieme, lontano da tutti i problemi. Il volo ha alcune turbolenze, Meredith si irrigidisce e anche Nathan, scoprono così di aver avuto entrambi brutte esperienze con gli arei. La situazione si stabilizza, Meredith e Nathan aiutano chi si è fatto male. Una volta soli, in un momento di pausa, Meredith si apre e riesce a raccontargli del disastro aereo, di cos’hanno passato e di come abbia perso sua sorella. Vengono interrotti da un’emergenza, un uomo ha battuto la testa e devono provare ad intervenire con gli strumenti che riescono a procurarsi. Dopo un’attesa interminabile, l’aereo esegue un atterraggio di emergenza. Meredith e Nathan possono tirare un sospiro di sollievo, tutti i feriti sono salvi e li possono affidare ai soccorsi. Meredith subito rifiuta di passare la notte con Nathan, ma grazie a lui capisce che è arrivato il momento di voltare pagina e lasciare andare Derek. Accetta la proposta e si incamminano insieme.

13×21

Meredith sta cercando un modo per parlare con Maggie della storia con Nathan. Intanto è impegnata in una conferenza da tenere proprio insieme a lui, per raccontare del salvataggio di emergenza avvenuto sul volo. Maggie è proprio lì in prima fila, fiera della sorella. Per la prima volta nota una forte intesa tra Meredith e Nathan e capisce che tra loro c’è qualcosa. Presa alla sprovvista, decide di evitarla e si rifugia in sala operatoria. La Bailey, ora che si è riappacificata con Richard, cerca di far sì che lui si riavvicini anche a Catherine e torni a stare con lei. Meredith finalmente riesce a parlare con Maggie, è totalmente sincera e le confessa che l’interesse per Nathan c’è da molto tempo, ma ha preso le distanze da lui appena ha saputo dei sentimenti che provava anche lei. Maggie non vuole sentire ragioni, sente di non potersi fidare di nessuno. A fine giornata Catherine torna da Richard e ammette di aver sbagliato. Anche Amelia e Owen si riavvicinano, lui le dà conforto dopo una giornata difficile in cui ha perso un paziente. Meredith non si arrende e torna a casa, si scusa con Maggie, non vuole perdere il loro rapporto per colpa di un uomo. Maggie mette da parte la rabbia e accetta di uscire con lei e Amelia.

13×22

Andrew non riesce a togliersi Jo dalla testa, prova qualcosa per lei. Meredith vuole invitare Nathan a casa per cena, entrambe le sorelle le danno sostegno in questa nuova relazione. Anche Arizona e Minnick continuano a frequentarsi e sono sempre più affiatate. La Bailey e Richard sono preoccupati per Ben, si rendono conto che lui cerca di evitare il rischio, scegliendo solo interventi semplici e sicuri. Un bambino arriva in ospedale chiedendo aiuto, si scopre che ha un tumore, ma i genitori non vogliono operazioni e lo riportano a casa. Arrivata a sera, Meredith annulla i progetti con Nathan e resta da sola, in camera, a fissare il post-it con cui lei e Derek si sono promessi amore eterno. Un sospiro e poi decide di chiuderlo nel cassetto. L’indomani il bambino torna al GSMH e Alex decide di operarlo senza i genitori, fingendo che si tratti di un’emergenza e non ci sia tempo di aspettare il consenso. I genitori arrivano in ospedale arrabbiati e pronti a fare causa a tutti i medici coinvolti. Stephanie intraprende un’accesa discussione contro di loro. La situazione si placa, quando il bambino è salvo e si risveglia dall’intervento. Per Stephanie però vengono presi dei provvedimenti e viene sospesa. Andrew si fa avanti, nel tentativo di far capire a Jo quanto lei sia importante per lui. Jo capisce le sue intenzioni e lo interrompe, non vuole che lui vada avanti e che il loro rapporto cambi.

13×23

Meredith inizia a fare sul serio con Nathan, ma ancora non è arrivato il momento di presentarlo ai figli. Tra Arizona e Minnick va tutto a gonfie vele, Amelia invece vive ancora a casa di Meredith. Owen si sveglia da solo, come ogni mattina, ma riceve una visita che lo sconvolge: un membro dell’esercito gli porta informazioni riguardanti la sorella. Megan è scomparsa da 10 anni, nessuno ha più avuto notizie dopo che si è messa in volo per salvare un paziente e l’aereo non è più stato rintracciato. Alex è partito da Seattle e ha trovato il marito violento di Jo, è un medico. Alex lo segue per l’intera giornata, nella sua mente si fanno strada tutti gli scenari possibili di come potrebbe far pagare quell’uomo, per tutto il dolore causato a Jo. Owen va a lavorare, nonostante sia sconvolto. E’ Amelia la prima ad accorgersene e l’unica a cui Owen riesce a dire la verità: Megan è viva. Non l’ha ancora detto a nessuno perché non ha la certezza che sia veramente lei. E’ stata ritrovata una ragazza priva di sensi e trasferita in un’ospedale tedesco. Amelia fa tutte le telefonate possibili per raggiungerla e riesce a scoprire che c’è Teddy Altman a prendersi cura di lei. Teddy, grande amica di Owen, conosce anche Megan e ne conferma l’identità. Amelia provvede per il suo trasferimento al GSMH. Owen è sotto shock, in preda ai sensi di colpa per aver smesso di cercarla. A fine giornata Alex torna a casa, lascia andare via indisturbato l’uomo misterioso, frenando ogni istinto di vendetta, che avrebbe portato guai a se stesso e anche a Jo. Amelia svela a Meredith che Megan è viva. Lei comprende l’importanza della notizia, soprattutto per Nathan, che era innamorato di lei e la crede morta. Si affretta per andarglielo a dire. Intanto, in ospedale si viene a sapere che un paziente è uno stupratore ed è in giro per i corridoi. Il reparto viene evacuato e Stephanie si trova bloccata, ostaggio dell’uomo pericoloso, insieme a una bambina che si è persa. L’uomo decide di far scattare l’allarme antincendio per far aprire le porte d’emergenza. Da una piccola fiammella, l’incendio si diffonde, spingendosi verso delle bombole di gas. Stephanie mette al riparo la bambina e poi corre verso le bombole per spingerle via. Le fiamme la precedono e tutto finisce in un’enorme esplosione.

13×24

L’ospedale si trova nel caos. Dentro la Bailey coordina i medici e i soccorsi per far evacuare tutti i pazienti; fuori April gestisce le zone di soccorso. Intanto, Stephanie si risveglia e cerca una via di fuga per sé e la piccola Eryn. Tra le fiamme, il fumo, le uscite sbarrate, sembra non esserci via di scampo. Miracolosamente riescono ad arrivare al tetto e a chiedere aiuto. Jackson continua a cercare, incurante del pericolo; April è preoccupata per lui e così anche Maggie. I medici vengono a sapere che la Minnick si è dimenticata di avvisare la polizia della scomparsa di Stephanie, nessuno l’ha cercata. Ben corre dentro all’edificio insieme a una squadra di pompieri. Seguendo le tracce di sangue, riescono finalmente a raggiungere il tetto. Stephanie è coperta di ferite e ustioni, la bambina è priva di sensi. Quando tutti sono stati portati in salvo, Meredith prende da parte Nathan e gli dà la notizia inaspettata: hanno trovato Megan, è viva. E’ un’informazione troppo grossa da realizzare, quasi gli manca il fiato. Amelia intanto è in macchina, con Owen a bordo, in direzione della pista di atterraggio per l’arrivo di Megan. Nathan si mette in macchina per raggiungerli. Un incontro straordinario riunisce Catherine, la Bailey, Richard e Minnick. La Bailey trova imperdonabile la superficialità della Minnick, che è quasi costata la vita a Stephanie. Qualunque sia la situazione o il protocollo, la salute di una persona va messa davanti a tutto. Questo è il primo insegnamento del GSMH e lì non c’è più posto per lei. La Bailey la licenzia senza accettare obiezioni. Minnick prende le sue cose, dandone comunicazione solo ad Arizona. April si è resa conto dell’interesse che Maggie prova per Jackson e parla con lei, per farle capire che i sentimenti sono ricambiati. Per Stephanie si apre un lungo periodo di cure e riposo per riprendersi dalle gravi ustioni, ma ciò non la preoccupa. Aspetterà di riprendersi e poi se ne andrà: un mondo intero la aspetta al di fuori dell’ospedale. Amelia è sulla pista di atterraggio al fianco di Owen, che si prepara all’incontro che non avrebbe mai immaginato, che fino ad allora poteva solo sognare e adesso si sta realizzando proprio sotto si suoi occhi.